OMT va nello spazio

Filterkit Team
Vi avevamo parlato dell'esperienza di OMT all'interno del progetto "Filterkit" in questa news.
Alla fine del 2011, il progetto ha “debuttato” con un importante risultato operativo nell’aerospace: nell’ambito del programma BEXUS dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), 7 aziende del network hanno costruito le sofisticate componenti meccaniche di un micro-veicolo spaziale, progettato da un team di giovani ingegneri e ricercatori del Centro interdipartimentale di studi e attività aerospaziali dell’Università di Padova (CISAS).

L’esperimento, denominato Arcade, vede OMT tra le aziende protagoniste, che hanno attivamente contribuito alla realizzazione dei componenti del micro-veicolo.
Grande emozione quella di Federico Bonetto, nel partecipare attivamente alla fase di lancio, nella base spaziale di Esrange che sorge 200 km oltre il circolo polare artico e rappresenta uno degli ultimi avanposti abitati della Lapponia nell’estremo nord della Svezia. La base fu fondata nel 1966 e da allora oltre 500 razzi suborbitali ed altrettanti palloni stratosferici sono stati lanciati verso lo spazio vicino e la stratosfera. Una crescita personale e professionale, nell’incontrare ingegneri e scienziati dell’Agenzia Spaziale Europea, Svedese e Tedesca e seguire passo passo le fasi di test ed integrazione degli esperimenti a bordo del lanciatore.
L’evento più spettacolare è stato sicuramente il count-down finale durante il quale gli esperimenti sono stati collocati sulla rampa di lancio e il pallone è stato gonfiato con 12.000 m3 di elio. A seguire cinque ore di volo a 25 km di quota in cui tutti i team hanno comunicato con il loro esperimento inviando e ricevendo dati.
In questa foto, quarto da sinistra sulla fila frontale, Federico Bonetto.
Team Filterkit
Sviluppo Filterkit
Lancio Filterkit